Comune di Colle di Val d'Elsa: Città del Cristallo - Città del Cristallo

Martedì, 23 Aprile 2019

Città del Cristallo

logo_consorzio_cristalloTra le tante qualifiche ed attributi che possono essere riconosciuti a Colle di Val d'Elsa quello a cui i propri cittadini tengono maggiormente è quello di Città del Cristallo.
Dal 1331 infatti la produzione del vetro, evolutasi poi nel '900 in quella del cristallo, costituisce uno degli elementi maggiormente tipici della città, che per questo è stata definita dei secoli scorsi 'Boemia d'Italia' ed ora Città del Cristallo.
Tutto questo promosso dal Consorzio del Cristallo di Colle di Val d'Elsa, una realtà che raccoglie le aziende del settore, che rappresentano il 95% di tutta la produzione. Lo scopo del Consorzio del Cristallo di Colle di Val d'Elsa è quello di riconoscere e garantire prima di tutto il cristallo come materiale, poi la sua produzione e trasformazione avvenuta a qualsiasi livello all'interno del territorio del comune di Colle di Val d'Elsa.

La differenza sostanziale tra vetro e cristallo è data dalla presenza dell'Ossido di Piombo.
La presenza di quest'ossido impartisce al vetro alcune caratteristiche che lo rendono particolarmente interessante, infatti il piombo fa si che la densità del vetro e quindi l'indice di rifrazione aumenti notevolmente.
In tal modo il vetro si avvicina alle proprietà ottiche del diamante: la luce che lo colpisce viene rifratta in modo più deciso che con il vetro normale, dando quindi quell'effetto di grande brillantezza tipica del vetro al piombo.
L'effetto è tanto maggiore quanto maggiore è il contenuto in Ossido di Piombo, ma solamente i vetri che ne contengono almeno il 24% in peso hanno per legge il permesso di essere chiamati 'cristalli'.

E' solo la sapiente correzione nella composizione del vetro operata da chimici specializzati in concerto con maestri vetrai che rendono il vetro al piombo chiaro, trasparente, brillante, stabile degno di essere chiamato cristallo.

In Evidenza