OFFICIAL_SITE_TITLE: RIQUALIFICAZIONE AREA EX VETRERIA BOSCHI - MUSEO PER TUTTI: IL MUSEO DEL CRISTALLO

Sunday, 15 December 2019

RIQUALIFICAZIONE AREA EX VETRERIA BOSCHI - MUSEO PER TUTTI: IL MUSEO DEL CRISTALLO

There are no translations available.

Comune di Colle di Val d'Elsa Operazione/progetto finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2014-2020

Colle di Val d'Elsa Town Hall. Project co-financed under Tuscany POR FESR Toscana 2014-2020

AZIONE (Action) 9.6.6 sub a.3

Descrizione dell'intervento

Il museo del cristallo ha il suo ingresso sulla piazza Boschi e si trova ad essere cerniera tra Piazza Arnolfo e la nuova Piazza unità dei Popoli ma si sviluppa quasi interamente nei due piani sottostanti, facendo svolgere al visitatore un percorso che tende ad allontanarlo dal vissuto quotidiano e permette una visione dei materiali e dei manufatti lontana da intromissioni esterne. L’intera area è stata progettata e edificata nella prima metà degli anni ’90 e presenta numerose problematiche, in primis la forte usura della pavimentazione della piazza. I recenti interventi fatti su Piazza Arnolfo e su Piazza dell’Unità dei Popoli (interventi finanziati con fondi FESR Por Creo 2007/2013 nell’ambito del PIUSS Altavaldelsa città di città) hanno riqualificato il tessuto urbano ed in questo contesto urbano si colloca  l'intervento in oggetto.  Il rinnovamento della pavimentazione, l’introduzione di punti luce a basso consumo e il recupero dei fondi commerciali daranno sicuramente forza anche al museo permettendo maggiori attività all’aperto, essenziali durante la stagione turistica.

Tutte queste migliorie vanno sicuramente nella direzione percorsa dal museo che, nonostante alcune limitazioni fisiche date dal progetto architettonico e dagli anni in cui è stato sviluppato, ha cercato di superare ogni difficoltà e barriera svolgendo numerosi interventi. L’obiettivo, data appunto l’importanza che la struttura riveste per la città da un punto di vista identitario ma anche per un auspicabile sviluppo del turismo, è quello di raggiungere gli standard museali individuati dalla normativa di riferimento per accedere all’accreditamento regionale. L’unicità della storia e delle caratteristiche sia della collezione che dei percorsi di archeologia industriale collegati al museo è una prerogativa sulla quale vogliamo puntare e che andremo a qualificare adeguatamente realizzando una serie di lavori all’interno della strutture per poi migliorare il progetto di allestimento ed il livello dei servizi con particolare attenzione all’accessibilità. Si è nel ventre produttivo di una fabbrica e per questo il museo ha e deve ancor di più sviluppare la sua vocazione commerciale, deve essere sede espositiva ma deve anche permettere l’acquisto di oggetti in cristallo e promozionare l’indotto. Per fare ciò è prevista la valorizzazione del bookshop che dovrà vendere pubblicazioni divulgative e specialistiche sull’arte del vetro e del cristallo, gadget e dvd, ma soprattutto dovrà permettere l’acquisto di oggetti in cristallo colligiano e la creazione di uno scambio osmotico che porterà sicuri vantaggi al museo e ai produttori, aprendo la strada verso partnership e residenze d’artista.

Il respiro delle attività museali e commerciali da qualificare e attivare nella struttura, trasformeranno il Museo del Cristallo in un polo di riferimento per le attività della parte bassa della città e di collegamento con il centro storico posto nella parte alta della città.

 

REHABILITATION OF EX VETRERIA BOSCHI AREA – MUSEUM FOR EVERYONE: THE MUSEUM OF CRYSTAL

Colle di Val d'Elsa Town Hall. Project co-financed under Tuscany POR FESR Toscana 2014-2020

 

The museum of crystal has its entry on Piazza Boschi and is found to be a zipper between Piazza Arnolfo and the new Piazza Unità dei Popoli but it almost develops entirely in the two underlying floors, leading the visitor make a path that ends estranging him from the daily life and it allows a vision of the materials and the manufactured articles distant from external interventions.

The whole area has been projected and built in the first halves the years '90 and introduces numerous problem, for first, the strong usury of the plaza floor. The recent interventions done on Piazza Arnolfo and on Piazza Unità dei Popoli (interventions financed with funds FESR Por I Create 2007/2013 within the PIUSS Altavaldelsa city of city) have retrained the urban fabric and in this urban context places the intervention in object. The renewal of the flooring, the introduction of low-energy light and the recovery of the commercial funds will also give surely strength to the museum, allowing great open-air activities, essential during the tourist season.

 

All these improvements surely go in the direction crossed by the museum that, despite some physical limitations given by the architectural project and by the years when it has been developed, it has tried to overcome every difficulty and barrier developing numerous interventions. The objective, due to the importance that the structure dresses for the city from a point of identity but also for a desirable development of the tourism, is to achieve the musealis standard individualized by the reference normative to access the regional accreditation.

 

The oneness of the history and the characteristics is of the collection that of the runs of industrial archaeology connected to the museum is a prerogative on which we want to aim and that we will go to adequately qualify realizing a series of jobs inside the structures for then to improve the project of preparation and the level of the services with particular attention to the accessibility. You is in the productive abdomen of a factory and for this the museum it has and it has more still to develop his/her commercial vocation, you/he/she must be an exposition center  but it also has to allow the purchase of objects in crystal and promote the armature. To do this is anticipated the exploitation of the bookshop that you/he/she must sell popular and specialistic publications on the art of the glass and the crystal, gadget and dvd, but above all you/he/she must allow the purchase of objects in crystal of Colle and the creation of an osmotic exchange that it will bring sure advantages to the museum and the producers, opening the road toward partnership and residences of artist.
The breath of the museum and commercial activity that has to be qualified and activated in the structure, would transform the Crystal Museum in a baseline hub for activity in the City low part and of liaison with the ancient city based in the city high part. 

Costo dell'intervento (Cost of the operation): € 725.222,00

Contributo assegnato (Assistance granted):   € 580.177,00

Stato di avanzamento (Progress):

inizio

In Evidenza