OFFICIAL_SITE_TITLE: Parri: "Nel bilancio 2011 priorità al mantenimento dei servizi, su sociale e tpl"

Monday, 14 October 2019

Parri: "Nel bilancio 2011 priorità al mantenimento dei servizi, su sociale e tpl"

There are no translations available.

stemma_miniComunicato stampa n.61 del 3 marzo 2011

L'assessore illustra la manovra comunale parlando di risorse disponibili, politiche tariffarie e investimenti
Parri: "Nel bilancio 2011 priorità al mantenimento dei servizi, su sociale e tpl"

"Il bilancio di previsione è frutto di un percorso partecipato, che ha coinvolto cittadini, associazioni di categoria, di volontariato e forze sociali, con le quali è stato avviato un tavolo di concertazione. Abbiamo cercato di razionalizzare la spesa corrente e tutte le voci di bilancio, a fronte di un taglio drastico ai trasferimenti statali, cercando di salvaguardare, ai livelli garantiti finora, i servizi a disposizione dei cittadini e dando priorità a sociale e trasporto pubblico locale. Per i servizi a domanda individuale è prevista una revisione delle quote di compartecipazione degli utenti al costo del servizio, all'insegna di una maggiore equità sociale, mentre rimarranno invariate le imposte e le aliquote dei tributi locali. Sul fronte degli investimenti, porteremo avanti solo interventi coperti da risorse certe". Con queste parole Leonardo Parri, assessore al bilancio di Colle di Val d'Elsa descrive, sinteticamente, il bilancio di previsione per il 2011 che sarà presentato oggi, giovedì 3 marzo in consiglio comunale, mentre l'approvazione è prevista entro la fine del mese, in una successiva seduta.

Risorse a disposizione. "Il governo - aggiunge Parri - ha ridotto notevolmente le risorse erogate agli enti locali e ha imposto le funzioni fondamentali da tutelare, escludendo settori quali cultura, sport, turismo e attività produttive. Nel 2011 il Comune di Colle conterà su 500mila euro in meno provenienti da trasferimenti statali, un milione di euro in meno di oneri di urbanizzazione e minori contributi da soggetti terzi. A questo si aggiunge un irrigidimento del Patto di stabilità, che rallenterà i pagamenti verso i fornitori, e l'impossibilità di contrarre nuovi mutui, con forti limitazioni per spesa corrente e investimenti. Siamo stati, quindi, costretti a ridimensionare i contributi destinati ad associazioni culturali, sportive e ricreative, ma il sostegno a queste attività rimane una scelta politica irrinunciabile, per una crescita serena della comunità e una maggiore integrazione sociale".

Tariffe e servizi. "Il livello delle imposte - continua Parri - rimarrà invariato, mentre saranno riviste le politiche tariffarie per i servizi a domanda individuale (asili nido, mensa e trasporto scolastico) a partire dal prossimo anno scolastico, ricercando uniformità con le tariffe applicate nei comuni limitrofi e una maggiore progressività ed equità sociale. Cercheremo di articolare maggiormente le fasce di utenti per situazione economica e auspichiamo una rapida revisione dello strumento dell'Isee da parte della Regione Toscana. Inoltre, rispetto al passato, saranno introdotti i diritti di istruttoria sulle pratiche edilizie e del Suap, in linea con quanto già applicato in numerosi comuni".

Priorità. "Sociale e trasporto pubblico locale - dice ancora Parri - sono i due settori in cui concentreremo, insieme agli altri comuni della Valdelsa, la maggior parte delle risorse, in quanto già colpiti pesantemente dai tagli del governo. Sui trasporti pubblici, abbiamo mantenuto invariato il servizio extraurbano, usato soprattutto da pendolari per motivi di studio e di lavoro, ma siamo dovuti intervenire sul servizio urbano, ridimensionando le corse della domenica e quelle di raddoppio del venerdì, giorno del mercato settimanale. L'amministrazione comunale colligiana - aggiunge Parri - continuerà a investire anche nelle politiche di area, per ridurre e razionalizzare i costi della macchina amministrativa puntando sulla gestione associata dei servizi, e nella valorizzazione del patrimonio ambientale, incentivando l'uso di energie rinnovabili, rivedendo le aree industriali e commerciali e individuando tipologie residenziali più sostenibili, dal punto di vista ambientale e sociale".

Investimenti. "Il piano delle opere pubbliche - conclude Parri - contiene solo quelle che contano su finanziamenti certi, per un totale di circa un milione di euro. In particolare, sono manutenzioni e lavori di consolidamento su immobili scolastici, impianti sportivi, rete stradale e pubblica illuminazione. Altri interventi saranno valutati in funzione di risorse che potrebbero rendersi disponibili durante l'anno, con variazioni di bilancio o provenienti da fonti esterne. A questo si aggiungono, poi, gli interventi sostenuti dal Piuss, indipendenti dalle risorse comunali, quali pista ciclo-pedonale fra Colle e Poggibonsi, la mediateca nell'area de La Fabbrichina e la riqualificazione della piazza davanti al Teatro del Popolo".

In Evidenza