OFFICIAL_SITE_TITLE: Scuola primaria di Campiglia: il Comune interviene sul sequestro preventivo di due aule

Friday, 20 September 2019

Scuola primaria di Campiglia: il Comune interviene sul sequestro preventivo di due aule

There are no translations available.

stemma_miniComunicato stampa n.288 del 19 settembre 2011

“Provvedimento disposto per chiedere ulteriori verifiche. L’attività didattica sarà garantita usando altri spazi disponibili”
Scuola primaria di Campiglia: il Comune interviene sul sequestro preventivo di due aule

L’amministrazione comunale di Colle di Val d’Elsa interviene con una nota sul sequestro preventivo di due aule della scuola primaria di Campiglia, disposto oggi, sabato 17 settembre dalla Procura della Repubblica dopo l’esposto presentato nei giorni scorsi da alcuni genitori di alunni che frequentano il plesso.

“Il sequestro preventivo - si legge nella nota - è stato disposto dopo alcuni giorni di sopralluoghi e di verifiche sulla documentazione esistente, con la piena collaborazione degli uffici comunali. Il provvedimento è stato ritenuto necessario per consentire ulteriori controlli sulla staticità della struttura e sull’agibilità di due aule adiacenti alla zona interessata dal rifacimento della copertura della scuola, area già messa in sicurezza dall’amministrazione comunale. Lunedì mattina il Comune chiederà il dissequestro delle due aule, fornendo ulteriore documentazione tecnica. Nei prossimi giorni, l’attività didattica sarà garantita usando altri spazi disponibili nella struttura e dichiarati sicuri anche dai competenti organi di controllo”.

“Poche settimane fa - continua la nota - durante i lavori di manutenzione in corso prima dell’inizio dell’anno scolastico, si è verificato un crollo di una parte della copertura. Dopo alcuni saggi e verifiche, è stata valutata la necessità di un rifacimento di una parte maggiore del tetto. I tecnici del Comune e l’impresa affidataria dei lavori hanno provveduto immediatamente a mettere in sicurezza l’area interessata dai lavori, per garantire la ripresa regolare dell’attività didattica. Nei prossimi giorni, in base agli sviluppi della vicenda, valuteremo le azioni da mettere in campo per ridurre i disagi verso gli utenti della scuola”.

In Evidenza